#AROUNDROERO, blog tour alla scoperta di Govone

“Immagina una casa immersa nella pace del Roero, a Govone, a due passi dal Castello che fu una delle dimore favorite dei Savoia…”

Questo è l’incipit dell’invito a partecipare al blog tour organizzato da Elisa (serendipitsite.com), Alessandra (ricettedicultura.com) e Irene (stuzzichevole.com) in collaborazione con Cristina di TourdiviniDue giorni alla scoperta del territorio roerino e, in particolare, di Govone.

Ho potuto così assaporare la piacevolezza del tempo trascorso insieme alle mie colleghe, alla scoperta di castelli, cantine e ristoranti della zona. Ho partecipato solo alla prima delle due giornate previste dal blog tour, e posso sicuramente consigliarti di vedere e sperimentare ciò che ho apprezzato in prima persona in questa fetta di territorio così vicina eppure ancora così poco familiare, fino ad oggi.

Dove dormire a Govone: Casa Angiolina, charme di altri tempi.

Casa Angiolina è una country house ricavata da un casale del 1790.
Nasce come dépendance del Castello per il sarto di corte, al seguito dei reali di Savoia in villeggiatura a Govone.  Sorge infatti proprio ai piedi della proprietà sabauda.
I trisavoli di Cristina di Tourdivini l’hanno ereditata dal sarto ed oggi, lei, ha adibito la struttura a casa vacanze intitolandola a sua nonna Angiolina.

Qui il tempo è stato congelato per permettere a chi lo vive di respirare l’essenza di questi luoghi.  La casa è stata ristrutturata mantenendo i mobili originali e ricavando dagli utensili tradizionali oggetti unici di arredo e decoro. Si respira tutto l’affetto che lei conserva per questa casa e posso consigliartelo se hai voglia di immergerti totalmente nelle atmosfere agricolo-contadine di un tempo, con un tocco di charme ed eleganza.

Casa Angiolina | © Tourdivini
Casa Angiolina, la sala da tè | © Piemontesina
Casa Angiolina, la sala da tè | © Piemontesina
Casa Angiolina, dettagli | © Piemontesina
Casa Angiolina, dettagli | © Piemontesina
Casa Angiolina, dettagli | © Piemontesina
Casa Angiolina, dettagli | © Piemontesina

Casa Angiolina Country House è la soluzione ideale per famiglie numerose, gruppi di famiglie o amici.
Si sviluppa su due piani: al piano terra si trovano la cucina con la zona living, un bagno e la veranda con accesso diretto al giardino.
Al piano superiore 4 meravigliose camere e due bagni.
Tutto profuma di fiori, di erbe aromatiche e di campagna. Un’oasi di relax da condividere.
Noi siamo partite proprio da qui con il nostro blog tour. Sedute a un tavolo con una tazza calda di thè e biscotti (era un giorno di lugli-embre!), prima della cooking class con Alessandra, che ci ha insegnato come preparare deliziosi dolci a base di verdure. Una vera rivelazione!

Le ricette di cultura di Alessandra | © Piemontesina
Blondies ai frutti di bosco con fagioli cannellini | © Piemontesina
Blondies ai frutti di bosco con fagioli cannellini | © Piemontesina

Cantine da visitare a Govone: Ponchione, la luna e il ciabot.

Un’ottima accoglienza quella di Maurizio Ponchione, alla guida della sua piccola cantina – oggi alla 4^generazione – fondata nel 1936.
Una produzione di circa 40,000 bottiglie – tutte rigorosamente “Albeisa” a rafforzare il legame con il territorio –  suddivise in una decina di etichette. Poche le bottiglie dunque e grande la qualità (il Roero Arneis è tra i più buoni che io abbia assaggiato!)

Non sono bottiglie che si trovano nella grande distribuzione, perché una volta prodotte sono già quasi totalmente impegnate per importatori esteri ed enoteche sparse per il Bel paese. Sono comunque disponibili alla vendita diretta in cantina, per permetterti di portare a casa un souvenir espressione del terroir roerino. Motivo in più per organizzare una visita in cantina, dico io.
Maurizio è stato un vero padrone di casa, molto disponibile nello spiegare i vini ed il territorio da cui provengono, partendo proprio dalla base, il suolo, fino al bicchiere.
La degustazione è poi stata un viaggio tra i sensi guidato da Federica Piccoli, esperta di comunicazione, life coach e tasting education. Sentire il vino con la vista, con l’’olfatto, con il gusto e … con l’anima.

Cristina e Maurizio sono organizzatori e promotori di un bellissimo evento legato al territorio, il cui nome evoca la piacevolezza di una notte di fine estate trascorsa in compagnia tra i filari, allietati da ottimi vini e pietanze.  La Luna e Il Ciabot quest’anno ti aspetta il 5 settembre!

Maurizio Ponchione | © Piemontesina
Ponchione, il Roero e l’Albeisa | © Piemontesina

Cosa vedere a Govone: Il Castello Reale

Il bel Castello barocco di Govone. Il risultato di una storia lunga e tormentata storia iniziata nel 1300 circa. L’aspetto attuale è opera dei conti Solaro, Signori di Govone sin dal 13° secolo.  Ma l’artefice dell’ultimo restauro è il Principe Carlo Felice, di cui fu residenza estiva dal 1816. Il castello manca di mobili e arredi in quanto venduti all’asta dall’amministrazione comunale nel 1897. E’ però un colpo di scena dietro l’altro il cui culmine sono le stanze interamente rivestite da tappezzeria cinese che ritrae l’arte della lavorazione del tè e della ceramica. Incantevole. Tanto incantevole da essere dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco  nel 1997, ancora prima del territorio su cui veglia.

Il Castello Reale di Govone | © Piemotnesina
Le sale del Castello | © Piemontesina
Le stanze cinesi | © Piemontesina
Le stanze cinesi | © Piemontesina
Tappezzeria cinese | © Piemontesina
Tappezzeria cinese | © Piemontesina
Angoli instagrammabili del Castello di Govone | © Piemontesina
Angoli instagrammabili del Castello di Govone | © Piemontesina

Dove mangiare a Govone: Le scuderie del Castello

Che posso dirti! Forse che è stata una delle cene migliori e convincenti dell’ultimo anno? Che il piatto di ravioli me lo ricordo ancora adesso a distanza di mesi?
A guardare il menù presente sul sito ti anticipo che non è dei più economici, ma vale ogni soldo speso.

Gli ingredienti della tradizione piemontese – e non solo – sono trattati semplicità e una grande cura nei dettagli e nell’abbinamento. Piatti raffinati e gustosi con un equilibrio sorprendente perfino negli abbinamenti più azzardati.
Fabio e Filippo bravissimi nel fare gli onori di casa e coordinatori di uno staff giovane e intraprendente. Location favolosa che non mette però a disagio grazie anche a un servizio attento e formale senza troppi contorsionismi. È stato veramente tutto perfetto,piacevole oltre ogni modo.

La sala de “Le scuderie del Castello di Govone” | © Piemontesina
Ristorante Le scuderie del Castello di Govone | © Piemontesina
Ristorante Le scuderie del Castello di Govone | © Piemontesina
Ristorante Le scuderie del Castello di Govone | © Piemontesina
Ristorante Le scuderie del Castello di Govone | © Piemontesina
Ristorante Le scuderie del Castello di Govone | © Piemontesina
Ristorante Le scuderie del Castello di Govone | © Piemontesina
Ristorante Le scuderie del Castello di Govone | © Piemontesina
Ristorante Le scuderie del Castello di Govone | © Piemontesina
Ristorante Le scuderie del Castello di Govone | © Piemontesina
Ristorante Le scuderie del Castello di Govone | © Piemontesina

Colgo l’occasione per ringraziare Cristina, Elisa, Alessandra e Irene per l’invito al blog tour e per l’ organizzazione, nonché le mie compagne di viaggio Paola di Viaggi & Delizie, Federica Piccoli e Federica di Dire Fare Mole, con cui ho già avuto il piacere di collaborare.

Grazie anche a tutte le aziende che ci hanno accolto e ospitato e che ho citato in questo articolo, che mi hanno permesso di vivere un’intensa  giornata alla scoperta di Govone.

Un grazie a tutti voi e viva il Roero!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.